Insegnanti


Roberto Palumbo

Roberto Palumbo è nato a Napoli nel 1959. È stato allievo di mandolinisti di chiara fama quali André Saint-Clivier, Giuseppe Anedda e di Mauro Squillante, con il quale ha conseguito il diploma di mandolino presso il Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari. Ha seguito i corsi della “Camerata de’ Musici” di Roma, il Seminario di Interpretazione Musicale nell’ambito della Festa Musica Pro di Assisi, il Corso Speciale di Perfezionamento Musicale di Carovigno ed il 37° , 40° , 41° , 42° e 44° Corso Internazionale di Musica Antica di Urbino. Ha fatto parte per diversi anni dell'Orchestra a Plettro "Città di Roma" ed oggi è primo mandolino dell'Ensemble Mandolinistico Estense di Modena col quale ha partecipato a varie rassegne. È inoltre componente stabile dell’Orchestra a Plettro del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari. Con la chitarrista Simona Boni si è esibito in diverse manifestazioni e rassegne. Affianca all'attività concertistica quella di studio e di ricerca. Nel 2003 ha tenuto un seminario sul Mandolino presso l'Università di Cremona. Ha studiato Etnomusicologia con il Prof. Diego Carpitella presso l'Università degli studi di Roma, “La Sapienza”, laureandosi quindi in Lettere a indirizzo etnomusicologico col massimo dei voti e la lode sotto la guida del Prof. Francesco Giannattasio con una tesi sul mandolino nella tradizione popolare urbana a Napoli, in corso di pubblicazione. Ha conseguito la laurea specialistica in Musica da Camera, presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, sotto la guida del M°Pierpaolo Maurizzi, compilando una tesi sul mandolino nella musica del Novecento. Nel giugno 2011 ed in marzo 2012 ha fatto parte dell'Ensemble di Musica da Camera “A. Boito” di Parma nel corso delle rassegne Le grammatiche di Schönberg e The Schönberg Experience nell'ambito del Bologna Festival 2012, eseguendo la Serenade op.24 sotto la direzione del M°Pierpaolo Maurizzi. In trio, con Elisa Netzer (arpa) ed Enzo Crotti (chitarra) è intervenuto nell'aprile 2012 allo Swiss Harp Festival a Ligerz (Berna) eseguendo il Carillon, Récitatif, Masque di Hans Wermer Henze. Nell'agosto 2012 ha partecipato come docente del Corso di Musica da Camera al Campus Internazionale di Mandolino e Chitarra Domenico Manfredi - Avigliano (PZ), esperienza ripetuta nell'ottobre dello stesso anno nell'ambito della rassegna Protagonista il Mandolino presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali “O.Vecchi-A.Tonelli” di Modena. A Modena svolge attività didattica nell'insegnamento del mandolino e della Chitarra Classica presso la scuola dell’E.M.E.

Ofelia Elia

Ofelia Elia, nata a Lecce, diplomata presso il conservatorio 'N. Piccinni' di Bari in mandolino nel 2010 sotto la guida del M° Mauro Squillante, in violino nel 2011 con il M° Francesco D’Orazio e nell’a.a. 2012-2013 ha conseguito il diploma di II livello in violino. 
Ha collaborato come violinista con l'Orchestra Giovanile ‘Tito Schipa’ del conservatorio di Lecce, che si è esibita in numerosi concerti sia nella provincia di Lecce che in quella di Brindisi e Bari.
Ha collaborato e collabora tuttora in qualità di mandolinista con l’orchestra a plettro Ensemble Mandolinistico Estense a Modena, in provincia di Modena e in provincia di Bari.
Ha collaborato con l'Accademia Mandolinistica Napoletana a Napoli e in provincia di Bari.
Ha collaborato con l’Orchestra a Plettro N. Piccinni del conservatorio di Bari con cui si è esibita in numerosi concerti sia nella provincia di Bari, che a Roma e a Benevento.
Fa parte dell'Accademia Mandolinistica Pugliese.
Ha collaborato con i ‘My secret windows’ per la registrazione di alcuni brani del loro disco d’esordio “LAW/CUT” nel 2011.
Si è esibita come solista e in formazione di duo, trio e quartetto in occasione di eventi organizzati dalla antropologa-sociologa e scrittrice prof.ssa Alba Monti quali: Guaranì: alla ricerca della Terra senza mali; Donne che cambiano il mondo; Fiato corto di Sirena.
Con il Quartetto tutto al femminile Lule Sol si è esibita in numerosi concerti fra cui i recital organizzati dal Fondo Verri nel 2014 Lago di luce e parole - Viaggio nella poesia mediterranea contemporanea.
Dal 2009 fa parte del trio ‘Per corda con cui si è esibita soprattutto nella provincia di Lecce oltre che numerose volte in Grecia in festival patrocinati dai comuni di Messini e Kyparissia, come il Primo festival studentesco del dramma antico Antica Messini 2012 e il Kyparissia Sunshine International Folklore Festival 2014.
Insieme a Nicola Antonio Staffieri si è esibita in duo per numerose manifestazioni quali: i Concerti di Primavera, presso la Scuola Secondaria “Massari – Galilei” nel 2011;  La notte dei musei 2011 e le Lezioni Concerto Alla scoperta dei luoghi della musica per gli anni 2013, 2014 e 2015 organizzati dalle associazioni “Mousikè” e “I Luoghi della Musica”; le Notti Sacre per l’anno 2011 organizzate da “I Luoghi della Musica”; il Giovedì d’Eccezione per l’associazione “Puglia Teatro Cultura e Spettacolo L’Eccezione”; l’8a Rassegna Chitarristica Internazionale della Puglia Stagione 2013 per l’“Associazione culturale e musicale De Falla”; Musica in mostra 2014 per la Città di Trani – Palazzo delle Arti “Beltrani” – Pinacoteca Ivo Scaringi e l’Associazione “Mousikè”.
Dal 2013 fa parte del gruppo Forbidden Sounds con cui si è esibita per l’Associazione “Il Coretto” durante la Stagione Concertistica 2012/2013; per il “Festival del Mandolino” durante l’Estate Aviglianese 2013; l’Aperitivo Classico 2013, 2014 e 2015 organizzati dal BAR FOD a Cisternino; il Premio Ambientepuglia 2015 – Giornata Mondiale della Terra; il Sovereto Festival 2015; La leggenda di IsabellaEstate bellese 2015.

 

Roberto Guarnieri

Nasce nel 1993 a Modena. Inizia gli studi di chitarra classica nel 2006 sotto la guida del M° Roberto Palumbo e nell'ottobre dello stesso anno entra a far parte stabilmente dell'Ensemble Mandolinistico Estense di Modena.  Nel 2008 prosegue gli studi presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia sotto la guida del M° Giacomo Baldelli.
Ha frequentato masterclass di perfezionamento con i Maestri: Mauro Squillante, Aniello Desiderio e Paolo Cherici ed attualmente segue il corso di Alta Formazione Artistica e Musicale di II° livello, seguito dal M° Claudio Piastra, sempre presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali “Achille Peri” di Reggio Emilia. Ha collaborato con l'orchestra a plettro del Conservatorio “Niccolò Piccini” di Bari e quella dei “Mandolinisti di Bologna”. Nel 2012 ha partecipato come chitarrista al “Barbiere di Siviglia” realizzato presso il Teatro De Andrè di Casalgrande e nel marzo del 2013 e nel 2015 ha partecipato all' “Otello” di G. Verdi realizzato presso il Teatro Comunale “L. Pavarotti” di Modena, presso il Teatro Municipale di Piacenza e al “Teatro Regio” di Parma, all'interno del Festival Verdiano.Nel 2017 ha partecipato alla XX edizione del Val Tidone Internazional Music Competition, nella sezione strumenti a pizzico, vincendo il 1° premio. Svolge attività concertistiche da solista e in gruppi da camera.

 

_____

Passate edizioni - Insegnanti

Amelia Saracco

Amelia Saracco, astigiana, dopo aver  conseguito il diploma di Mandolino nel 1993 presso il Conservatorio “C.Pollini” di Padova sotto la guida del  M° U.Orlandi:
ha  collaborato dal 1995 al 1999 con “I Solisti Veneti”, e attualmente collabora con l’Orchestra del “Maggio Musicale Fiorentino”,  l’Orchestra del “Teatro Carlo Felice”e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della “RAI”;
ha partecipato come mandolino solista a concerti della stagione 2009-2010 dell’Orchestra Sinfonica giovanile del Piemonte e nel 2015 con L’Orchestra Classica di Alessandria;
ha svolto e svolge attività concertistica come solista ed in diversi gruppi strumentali quali la Mandolinistica “P.Paniati” di Asti, l’Open Quartet e in formazioni di duo con pianoforte o chitarra e in trio con pianoforte e flauto;
ha partecipato a trasmissioni televisive (RAI 2)  e  radiofonica (Radiotre suite) e ha  collaborato a  incisioni di CD, tra cui “Una faccia in prestito” con Paolo Conte.
In parallelo ha affiancato all’attività artistica anche quella didattica.
E’ l’ideatrice del progetto mandolino per la metodologia “Suzuki” . Dal ’93 ha iniziato ad insegnare Mandolino applicato alla Metodologia Suzuki, diventandone poi Insegnante Formatrice per l’Italia e l’Europa e autrice dei volumi per mandolino.
Attualmente  è insegnante di Mandolino presso alcune scuole del Piemonte e coordina i  gruppi strumentali a pizzico dei giovani musicisti dagli 5 ai 18 anni.

Maria Cleofe Miotti 

Maria Cleofe Miotti si è diplomata in mandolino al Conservatorio “Pollini” di Padova, dove ha studiato col M° Ugo Orlandi, e ha partecipato a vari corsi di perfezionamento a Chiusi della Verna (Ar), Brescia e Venezia, alla Fondazione G.Cini. Ha preso parte ai concerti tenuti dall’Orchestra a Plettro Italiana e dall’Orchestra a Plettro dell’Emilia Romagna in occasione di manifestazioni di carattere nazionale e svolge attività concertistica con vari ensemble di strumenti a plettro. Suona in duo con la chitarra e con l’arpa, in quartetto e, come mandolino solista, in varie formazioni cameristiche italiane fra cui i Solisti Veneti, partecipando a concerti e tournée in Italia e all’estero (Canada, Asia, Portogallo, Austria, Svizzera, Brasile, ecc.); dal 1995 collabora con l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, del Teatro Comunale di Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ferrara, Firenze. Ha inciso alcuni CD con vari ensemble barocchi, con il Quintetto a Plettro “Calace”, ha collaborato con l’Accademia Farnese e Cecilia Gasdia alla registrazione delle “Cantate a soprano” di Vivaldi, per l’etichetta Mondo Musica. Ha inciso con il chitarrista Gianni Landroni e il soprano Laura Manzoni un CD di melodie natalizie. Dal 1999 segue la preparazione musicale di due orchestre a plettro, I Mandolinisti di Parma e i Mandolinisti di Bologna, con le quali ha realizzato numerosi concerti in qualità di primo mandolino e direttore d’orchestra. Laureata in Lettere moderne all’Università degli Studi di Padova con una tesi sui trattati musicali e l’iconografia del mandolino, si dedica anche alla stesura di articoli e saggi e ha preso parte a varie conferenze; nel 2006 ha conseguito il diploma accademico di II livello in discipline musicali presso il Conservatorio “Pollini di Padova”. Attualmente è docente di mandolino al Conservatorio “Piccinni” di Bari ed è curatrice, per le edizioni musicali Curci di Milano, della collana Maurri dedicata al mandolino e agli strumenti a plettro.


Mauro Squillante 

Mauro Squillante, mandolinista, è considerato uno specialista negli strumenti antichi a plettro (mandolini e mandole, mandolone, colascioni, cetra), sul cui repertorio, organologia e prassi esecutiva conduce una costante attività di ricerca. Diplomato presso il conservatorio Pollini di Padova, ha approfondito i propri studi musicali con Hopkinson Smith e Crawford Young presso la Schola Cantorum Basilensis, Enrico Baiano, Federico Marincola, Emilia Fadini, Edoardo Eguez. Svolge una intensa attività concertistica in Italia ed all’estero esibendosi da solista, in duo col clavicembalista Raffaele Vrenna, insieme al quale ha fra l’altro preso parte al Festival Scarlatti di Tokyo, in trio con l’arpista Mara Galassi e il soprano Marinella Pennicchi, con le quali ha inciso per la Stradivarius un cd di prossima uscita, e con gli ensemble Lirum li Tronc, e Scherza l’Alma. Collabora inoltre con i Freiburger Barok Orchestra, la Venice Baroque Orchestra, la Cappella della Pietà dei Turchini, Arte dell’Arco, Dolce e Tempesta, Collegium Pro Musica, l’orchestra del Teatro S. Carlo, l’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino e la Mozart Synphonietta, diretto fra gli altri da Renè Jacobs, Andrea Marcon, Peter Maag, Louis Bacalov, Antonio Florio, Gabriele Ferro. Ha inciso per le case discografiche Stradivarius, Harmonia Mundi, opus 111, Brilliant, Felmay - Dunya records, Bongiovanni, Niccolò, Oriente Musik, Vigiesse,. Ha effettuato inoltre registrazioni radiofoniche per la RAI e le emittenti radiofoniche e televisive francesi e tedesche. Dirige la collana di musiche per mandolino per la casa editrice musicale Mnemes - Alfieri e Ranieri Publishing di Palermo, ed ha inoltre pubblicato per la casa editrice Santabarbara. E' Presidente della Accademia Mandolinistica Napoletana, associazione riconosciuta per il proprio fondamentale apporto alla rinascita del mandolino a Napoli. Insegna Mandolino e strumenti a plettro storici nei Corsi di Musica Antica di Urbino organizzati dalla Fondazione Italiana per la Musica Antica. E' docente di mandolino presso il Conservatorio "Piccinni" di Bari.